martedì 30 dicembre 2014

L'artista di oggi: Margaret Keane
















Confesso di aver scoperto questa straordinaria artista di 79 anni grazie al film di prossima uscita diretto da Tim Burton, con protagonisti Christoph Waltz e Amy Adams, rispettivamente nei ruoli di Walter e Margaret Keane. Il titolo Big Eyes è decisamente azzeccato, visto che questa artista californiana ama dipingere quelli che vengono definiti i big eyed waifs. Inutile dire che non vedo l'ora di vedere il film, ma nel frattempo mi gusto i suoi dipinti.


venerdì 19 dicembre 2014

Serie tv: The Musketeers


Nuova serie tv targata BBC e tratta dal capolavoro di Alexandre Dumas. Va in onda su Italia 1 ogni venerdì. Rumorosa, divertente e fracassona, insomma cappa e spada! Non posso non menzionare Luke Pasqualino (Skins) nei panni di D'Artagnan e Santiago Cabrera (Heroes) in quelli di Aramis, due gnocchi che da soli meritano la visione!




lunedì 8 dicembre 2014

RIP: Mango (1954-1913)

CineLibri: Hunger Games, di Suzanne Collins

Titolo: Hunger Games
Titolo originale: The Hunger Gamer
Autore: Suzanne Collins
Casa editrice: Mondadori
Anno di pubblicazione: 2008
Codice ISBN: 978 88 52 0237 29
Dove e quando: Panem, futuro
L'Incipit
Quando mi sveglio, l'altro lato del letto è freddo. Allungo le dita per cercare il calore di Prim, ma trovo solo la tela grezza della fodera del materasso. Avrà fatto un brutto sogno e si sarà infilata nel letto della mamma. Ma certo. Oggi è il giorno della mietitura.

Cosa ne penso
Confesso di aver letto il primo romanzo dell'ormai celeberrima saga Hunger Games solo dopo aver visto l'omonimo film con la paffuta (e simpaticissima) Jennifer Lawrence, ormai lanciata nel firmamento delle stelle di Hollywood: ero scettica, ma una volta iniziato a leggere non mi sono più potuta fermare. Katniss Everdeen è un'eroina straordinaria, di quelle che colpiscono il cuore del lettore. Non si può non tifare per lei negli Hunger Games, non si può non sperare che sia lei a sopravvivere, unico dei 24 tributi dei dodici Distretti di Panem che ogni anno si sfidano nell'arena per commemorare la sconfitta dei ribelli contro Capitol City. Di lei colpiscono la forza e la dolcezza, ma anche la sfacciataggine. Il personaggio è ben strutturato dal punto di vista psicologico e la trama si dipana in modo armonioso dal giorno della mietitura all'arrivo a Capitol City, seguono poi i giorni dell'addestramento ed ecco che subito siamo nel vivo della gara, senza un attimo di respiro. Bello, bello, bello. E il film non è da meno, anzi, diciamo che l'immagine aggiunge punti a questa storia di per sé già molto coinvolgente. Come dicevo, Jennifer Lawrence è perfetta nel ruolo di Katniss, il suo volto esprime dolcezza e allo stesso tempo forza d'animo, i suoi occhi sono sprezzanti ma anche terrorizzati, per non parlare poi del resto del cast: Donald Sutherland nel ruolo del presidente Snow,  Woody Harrelson in quelli del mentore ubriacone Haymitch e Lenny Kravitz in quelli dello stilista Cinna. La ricostruzione di Capitol City è pazzesca e i costumi lasciano a bocca aperta, creando un perfetto contrasto con la miseria e la sporcizia del Distretto 12 da cui proviene Katniss. 



Hunger Games (2012) di Gary Ross. Con Lenny Kravitz, Jennifer Lawrence, Elizabeth Banks, Woody Harrelson, Brooke Bundy, Latarsha Rose, Liam Hemsworth, Josh Hutcherson, Willow Shields, Stanley Tucci, Wes Bentley, Leven Rambin, Jacqueline Emerson, Paula Malcomson, Isabelle Fuhrman, Alexander Ludwig, Amandla Stenberg, Donald Sutherland, Toby Jones, Dayo Okeniyi, Amber Chaney, Phillip Troy Linger, Raiko Bowman, Jack Quaid Titolo originale The Hunger Games. 

domenica 7 dicembre 2014

Libri: La notte dei vampiri, di Nancy Kilpatrick

Titolo originale: Child of the night
Autore: Nancy Kilpatrick
Casa editrice: Newton Compton
Anno di pubblicazione: 2003
Codice ISBN: 978 88 541 1480 7
Dove e quando: Bordeaux (Francia), anni '2000

L'Incipit
Carol accavallò le gambe e ruotò lentamente lo stelo del calice di vino tra il police e le dita della mano destra, fin troppo consapevole del fatto che si trattasse del suo terzo prosecco da quando aveva cenato. Non esageriamo, ammonì se stessa, e poi mandò giù un altro sorso. Sospirò. Meglio rivolgere la sua attenzione a qualcosa di meno dannoso del vino locale.

Cosa ne penso.
La verità è che quando comincio un libro mi piace arrivare fino in fondo, anche se poi si rivela una cacata pazzesca. In questo caso, mi sono proprio dovuta violentare per finirlo, ma insomma, alla fine ce l'ho fatta. La storia racconta di Carol rapita durante una vacanza in Francia dal vampiro André, che ne fa la sua schiava sessuale e la mette incinta, per poi sottrarle il bambino una volta partorito. da aggiungere che poi le cancella la memoria e la rispedisce a Philadelphia dove le per otto anni non ricorda nulla di quegli eventi, ma in compenso scopre di aver contratto l'HIV dall'ex marito morto. Dicevo, una cacata pazzesca, ma almeno ora so che di questa Nancy Kilpatrick non leggerò più nulla.

sabato 6 dicembre 2014

Acquisti compulsivi

Porto a casa:
The great Gatsby, di Francis Scott Fitzgerald, euro 3,50
Lisbona, le guide weekend, euro 9,90
Lisbona e Portogallo, euro 11,90

venerdì 5 dicembre 2014

Cinema: Noah, di Darren Aronofsky


Noah (2014) di Darren Aronofsky. Con Russell Crowe, Jennifer Connelly, Ray Winstone, Emma Watson, Anthony Hopkins.

L'aspettativa per questo film era enorme, perché il regista, beh, è quello de Il Cigno nero. Anche la delusione è stata enorme, e la noia, e il desiderio che finisse al più presto. Russel Crowe? Non pervenuto. Hermione che partorisce? Semplicemente non credibile. Peccato. Voto: 5

giovedì 4 dicembre 2014

Libri: Dolce come il cioccolato, di Laura Esquivel

Titolo originale: Como agua para chocolate
Autore: Laura Esquivel
Casa editrice: Superpocket
Data di pubblicazione: 1989
Codice ISBN: 88 462 0140 X
Dove e Quando: Messico, inizio '900

L'Incipit
La cipolla deve essere tritata fine fine. Suggerisco di mettersene un pezzetto in testa per evitare la fastidiosa lacrimazione che si produce quando la si taglia. Il brutto di piangere tritando la cipolla non è il semplice fatto di piangere, ma è che, quando cominci, poi ti bruciano gli occhi e non smetti più. Non so se sia già capitato anche a voi, ma a me certamente sì. Una infinità di volte. La mamma diceva che era perché sono sensibile alla cipolla proprio come Tita, ma mia prozia.

Cosa ne penso
Il sottotitolo lo descrive come un "romanzo piccante in dodici puntate con ricette, amori e rimedi casalinghi": le aspettative non sono disattese e così leggiamo dell'amore proibito tra Tita e Pedro, ma soprattutto abbiamo le ricette, elaborate, lunghe a prepararsi, ma appetitose e goderecce, attraverso le quali la povera Tita, privata del diritto al matrimonio da un'assurda tradizione, sfoga la sua passione a lungo repressa. La presenza di eventi soprannaturali (su tutti la comparsa del fantasma della terribile Mamma Elena) colloca questo romanzo nel filone del realismo magico e ne fa una fiaba gradevole e a suo modo romantica. Consigliato a chi è convinto che l'amore si esprima ai fornelli.

mercoledì 3 dicembre 2014

Cinema: Shadowhunters, di Harald Zwart


Shadowhunters (2013) di Harald Zwart. Con Lily Collins, Jamie Campbell Bower, Jemima West, Kevin Durand, Robert Maillet. Aidan Turner, CCH Pounder, Kevin Zegers, Lena Headey, Jared Harris, Godfrey Gao, Jonathan Rhys-Meyers, Elyas M'Barek Titolo originale The Mortal Instruments. City of Bones. 

Shadowhunters è uno dei pochi casi in cui la trasposizione cinematografica supera, anzi decisamente migliora, il romanzo da cui è tratto. Il libro di Cassandra Clare l'ho trovato un po' noioso, il film invece l'ho guardato con maggiore interesse, ma ad essere onesta il merito è quasi esclusivamente da attribuire alla presenza di quel figo di Aidan Turner che, dopo essere stato il vampiro Mitchell (sempre nel mio cuore) e il nano Kili, qui fa il lupo mannaro. Per quanto riguarda i due protagonisti principali niente da dire per Lily Collins, abbastanza decorosa nella parte di Clary, mentre Jamie Campbell Bower nel ruolo di Jace non si può vedere. Orrido. Sembra malato. Qualcuno gli dia del cibo. Stop. Al botteghino è stato un flop, ma so che ci sarà il sequel. Vedremo...Voto: 6

martedì 2 dicembre 2014

Cinema: Anarchia. La notte del giudizio, di James DeMonaco


Anarchia. La Notte del Giudizio (2014) di James DeMonaco. Con Frank Grillo, Michael K. Williams, Zach Gilford, Carmen Ejogo, Kiele Sanchez, Zoe Soul, Nicholas Gonzalez, Edwin Hodge, Amy Paffrath, Keith Stanfield, Brandon Keener, Branton Box, Niko Nicotera, Carla Jimenez, Mike Jerome Putnam Titolo originale The Purge: Anarchy.

Presentato come un film horror, in realtà  si tratta di un film di fantascienza, non solo perché siamo nel 2025, ma perché viene descritta una realtà immaginaria in cui tutti i crimini vengono concentrati in un unico giorno, detto della purificazione. Il cast è praticamente sconosciuto, ma il film ha un buon ritmo. Bello. Voto: 8

lunedì 1 dicembre 2014

Cinema: Automata, di Gabe Ibáñez

Automata (2014) di Gabe Ibáñez. Con Antonio Banderas, Birgitte Hjort Sørensen, Melanie Griffith, Dylan McDermott, Robert Forster, Tim McInnerny, Andy Nyman, David Ryall, Andrew Tiernan, Christa Campbell.

Un Antonio Banderas pelato fa l'agente assicurativo in un futuro post-apocalittico, in cui i robot sono ormai realtà. Per quanto fortemente influenzato dal cinema di genere, e nonostante il pessimismo portato all'estremo, non mi è dispiaciuto. Voto: 7

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.