giovedì 4 dicembre 2014

Libri: Dolce come il cioccolato, di Laura Esquivel

Titolo originale: Como agua para chocolate
Autore: Laura Esquivel
Casa editrice: Superpocket
Data di pubblicazione: 1989
Codice ISBN: 88 462 0140 X
Dove e Quando: Messico, inizio '900

L'Incipit
La cipolla deve essere tritata fine fine. Suggerisco di mettersene un pezzetto in testa per evitare la fastidiosa lacrimazione che si produce quando la si taglia. Il brutto di piangere tritando la cipolla non è il semplice fatto di piangere, ma è che, quando cominci, poi ti bruciano gli occhi e non smetti più. Non so se sia già capitato anche a voi, ma a me certamente sì. Una infinità di volte. La mamma diceva che era perché sono sensibile alla cipolla proprio come Tita, ma mia prozia.

Cosa ne penso
Il sottotitolo lo descrive come un "romanzo piccante in dodici puntate con ricette, amori e rimedi casalinghi": le aspettative non sono disattese e così leggiamo dell'amore proibito tra Tita e Pedro, ma soprattutto abbiamo le ricette, elaborate, lunghe a prepararsi, ma appetitose e goderecce, attraverso le quali la povera Tita, privata del diritto al matrimonio da un'assurda tradizione, sfoga la sua passione a lungo repressa. La presenza di eventi soprannaturali (su tutti la comparsa del fantasma della terribile Mamma Elena) colloca questo romanzo nel filone del realismo magico e ne fa una fiaba gradevole e a suo modo romantica. Consigliato a chi è convinto che l'amore si esprima ai fornelli.

Nessun commento:

Posta un commento

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.