domenica 23 novembre 2014

Libri: Il dio delle piccole cose, di Arundhati Roy

Titolo originale: The god of small things 
Autore Arundhati Roy 
Casa editrice: Tea
Anno di pubblicazione 1997 
Codice ISBN: 9788877469588 
Dove e quando, Ayemenem, India, anni '70

L'Incipit 
Maggio ad Ayemenem è un mese caldo, meditabondo. Le giornate sono lunghe e umide. Il fiume si ritira e corvi neri si rimpinzano di manghi lucidi sugli alberi verdepolvere, immobili. Maturano le banane rosse. Si spaccano i frutti dell'albero del pane. Mosconi viziosi ronzano vacui nell'aria fruttata. Poi si schiantano contro i vetri delle finestre e muoiono, goffamente inermi sotto il sole. 

Cosa ne penso
A molti questo romanzo è entrato nel cuore, io personalmente l'ho trovato terribile, non nel senso che è scritto male (anzi, il linguaggio e lo stile sono molto ricchi), ma nel senso che racconta una storia di crudeltà ed ignoranza, vista attraverso gli occhi innocenti di due gemelli, Estha e Rahel, che bambini assistono (ed in parte, inconsapevolmente, provocano) alla morte dell'amante della madre e della cuginetta Sophie Mol giunta per la prima volta in India dalla lontana Inghilterra. E' la storia di un amore proibito, impossibile tra la toccabile Ammu e l'intoccabile Velutha, che finisce nel peggiore dei modi. No, questo romanzo non mi è piaciuto e la storia non fa che confermare quello che ho sempre saputo, ovvero che ci sono parti del mondo in cui è meglio non nascere.

Nessun commento:

Posta un commento

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.