martedì 6 maggio 2014

Libri: Il Circo maledetto, di Ann Featherstone

Titolo originale: Walking in Pimlico
Autore: Ann Featherstone
Casa editrice: Newton Compton
Anno di pubblicazione: 2010
Codice ISBN: 978-88-541-2223-9
Dove e quando: Londra, Inghilterra, fine '800

L'Incipit
Permettetemi di presentarvi un omicidio. E permettetemi di presentarvi il sinceramente vostro Corney Sage, cantante e attore comico, ballerino di clog dance, personaggio assai divertente e intrattenitore a tutto tondo.
In verità, non assistetti all'omicidio, conoscevo a malapena la persona che lo commise (anche se le cose non stanno proprio così) e non avevo scambiato che poche parole con la poveretta che venne fatta fuori, e tuttavia io c'ero: ero lì al principio e anche alla fine, sebbene tutto ciò mi sa costato il senno e la salute e sebbene, ancora oggi, di tanto in tanto mi capiti di svegliarmi la notte in preda agli incubi.

Cosa ne penso
All'inizio non mi aveva preso granché: l'autrice ci presenta il personaggio principale, Corney Sage attore e ballerino nella Londra della regina Vittoria, testimone dell'assassinio della povera Bessie, attrice e donna di facili costumi, fatta fuori da un giovanotto elegante. Poi però la storia prende una piega inaspettata e lo scenario cambia completamente: scopriamo che il giovanotto in questione, nonché assassino, James Yates in realtà è una donna di nome Phyllida Marweather dalle molte identità, un giorno prostituta, un altro amica e dama di compagnia, poi ancora madre in pericolo, nonché lesbica non corrisposta. Insomma, un personaggio affascinante e sfaccettato, che colpisce il lettore con la sua grande voglia di vivere, la sua fame d'amore e la sua capacità di adattarsi alle circostanze per sopravvivenza, ma anche per la tenacia con cui è riuscita a tirarsi fuori dalla miseria per realizzare il sogno di una vita migliore. Se non fosse una serial killer, sarebbe davvero un personaggio ammirevole e in ogni caso si tende a chiudere un occhio per via della sua infanzia "difficile". L'autrice è docente di storia del teatro e questo suo background viene fuori ad ogni pagina del romanzo, ed infatti non credo sia casuale la scelta di ambientare il suo primo romanzo nel mondo degli spettacoli itineranti, o come spesso viene definito, dell'intrattenimento al costo di uno scellino: i personaggi si muovono da un teatro all'altro in cerca di ingaggi sempre migliori e meglio retribuiti, circondati da loschi figuri sempre pronti a guadagnare qualche soldo in più, gente del circo, imbonitori, sfruttatori di bambini, prostitute e tutto quella fauna che ci si aspetterebbe di incontrare in un romanzo ambientato ai tempi della regina Vittoria. Devo dire che l'autrice non ci ha risparmiato i dettagli e da questo punto di vista la sua prima prova da narratrice è veramente ben riuscita. Spero di poter leggere qualcos'altro di suo prima o poi. Lo consiglio soprattutto a chi ama i romanzi d'epoca e agli studenti di letteratura inglese.

Nessun commento:

Posta un commento

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.