domenica 15 luglio 2012

Up and Down


Questa settimana solo cose belle!


Up
1. Il primo up è sicuramente l'inaspettato rinnovo del mio contratto: non so cosa abbiano in serbo per noi i piani alti, ma ci hanno prorogato fino a fine dicembre. Considerato il panorama italiano, con la disoccupazione ai massimi storici e la depressione che si vede sulla faccia della gente per strada, non posso non considerarla una buona notizia. Il mio lavoro continua a farmi schifo, vorrei trovare qualcosa di più stimolante da un punto di vista intellettuale e possibilmente pagato meglio, continuo ad avere momenti di scazzo totale e a volte vorrei strozzare tutti, ma tutto sommato con le socie vado d'accordo (riti della salvia a parte!), con la capa pure, mi tiro fuori di casa (e questa per me è la cosa più importante in assoluto), ho un contratto con regolare busta paga e prendo abbastanza per pagare affitto e bollette e togliermi qualche sfizio ogni tanto. Visti i tempi che corrono non ho davvero di che lamentarmi.

2. Questa faccenda di organizzare la mia vita per obiettivi sta funzionando: ho capito finalmente che le cose non succedono per caso e che solo lottando con le unghie e con i denti si fanno piccoli passettini in avanti. Certo, io continuo ad essere dispersiva, discontinua, distratta, volubile e anche un po' disorganizzata, ma ogni volta che depenno una voce dalla mia wishlist mi dico che tutto sommato non faccio poi così schifo. Se voglio, POSSO e prima di quanto immaginassi ho realizzato l'obiettivo n. 58: LEI è mia, finalmente. L'ho presa oggi, dopo aver messo da parte i soldi per 8 mesi. L'ho pagata 30 euro in più di quanto avevo messo in preventivo e forse avrei potuto aspettare ancora qualche mese per starci dentro con le altre spese, ma ho voluto comunque farmi questo regalo. Non sarà il cannone dei fotoreporter del National Geographic, ma per una come me che è alle prime armi va più che bene. L'impotente mezzo in questo ultimo anno e mezzo ha fatto il suo più che dignitosamente e gli devo alcune delle mie foto preferite, ma ora è giunto il momento di passare al livello successivoVado dicendo che gli oggetti non fanno la felicità e continuo ad essere dello stesso avviso, ma questo per me è un piccolo sogno che si realizza: quando il commesso me l'ha messa tra le mani ho provato un brivido lungo tutta la schiena, la mia mente è schizzata altrove e ho fatto davvero fatica a contenere l'entusiasmo che mi stava travolgendo. Me lo merito e questo è quanto.

3. Io bazzico spesso Piazza Santo Spirito e da un po' avevo messo gli occhi su un ristorantino biologico di cui avevo sentito lodi sperticate: finalmente ci sono stata e ho passato davvero una bella serata. Il posto in questione si chiama Vivanda e come dicevo segue una filosofia tutta sua: tutti gli alimenti provengono da una azienda agricola locale che segue principi etici piuttosto ferrei. Nel menù c'è un ampia scelta di piatti vegetariani e vegani (viene servita anche la carne, ma questa proviene da allevamenti che rispettano gli animali), si ordina senza stress al bancone, poi quand'è il momento si viene chiamati a ritirare i piatti, senza dover aspettare tempi biblici. Ci si apparecchia e sparecchia da soli e a fine pasto si può (anzi, si DEVE) fare  la differenziata. L'ambiente è molto piccolo ed accogliente e il personale molto gentile: in sottofondo solo musica jazz per poter parlare tranquillamente e nell'attesa si può sfogliare un libro approfittando dell'angolo dedicato al bookcrossing. I prezzi sono onesti e anche se le porzioni sembrano da nouvelle cuisine vi assicuro che si esce da lì con la pancia piena. Noi abbiamo assaggiato le polpettine di melanzane ai semi di sesamo, lo sformatino di cipolla e il cous cous alle verdure: le prime due pietanze eccezionali, mentre il cous cous mi ha lasciata abbastanza indifferente, perché questo piatto della cucina araba è tipico anche del sud della Sardegna e io sono abituata a mangiarlo in modo "tradizionale". L'unico neo purtroppo riguarda il bagno: uno solo sia per uomini che per donne, con la porta che non chiudeva! Comunque, a chi passasse da queste parti lo consiglio sicuramente per una cenetta easy.

4. Ho trovato il coraggio di andare dalla parrucchiera: i miei capelli erano diventati davvero troppo ingestibili per rimandare ulteriormente una cesoiata. L'ho deciso tipo nel giro di 10 secondi mentre andavo a sbrigare tutt'altre faccende (della serie, adesso o mai più) e sono entrata facendomi il segno della croce. La poveretta l'ho stressata per tutto il tempo raccontandole i traumi subiti in passato a partire dalla prima infanzia fino ai giorni nostri, ma lei ha dimostrato di avere la pazienza di Giobbe. In fin dei conti è stata bravina: ha seguito alla lettera le mie indicazioni (anche perché non l'ho persa di vista per un attimo e non le ho dato il tempo di prendersi iniziative strane) ed è riuscita a mettere ordine laddove il caos regnava sovrano, senza stravolgere troppo la chioma. Continuo a non fidarmi della categoria, ma questa volta ci voleva.

5. Dopo due anni che vivo a Firenze ho scoperto un cineclub proprio vicino a casa mia. Ci sono passata davanti miliardi di volte, ma non avevo mai avuto occasione di andarci. D'estate purtroppo chiude, ma a settembre ho intenzione di tesserarmi perché sono stufa ed arcistufa dei multisala, delle resse per i biglietti, della puzza nauseabonda di pop-corn e soprattutto non ho nessuna voglia di pupparmi tre quarti d'ora di pubblicità prima che cominci il film. Probabilmente sarò antica, ma io rimpiango quei cinema di una volta, dove davano un film per volta, con una sola enorme sala dove ci si poteva sedere dove capitava, senza posti numerati, con le poltrone di legno scomodissime e lo schermo magari rovinato e l'audio non proprio perfetto. Per la cronaca, ho visto Cosmopolis.

6. Ho comprato una tela 40X60 con il preciso intento di riprodurre questa immagine. Il soggetto è apparentemente semplice, ma ho il sospetto che richiederà un grande sforzo di precisione. Per il momento ho pronti solo gli schizzi preparatori e già so che dovrò fare appello a tutta la mia buona volontà e caparbietà per riuscire a portarlo a termine. Se viene bene e qualcuno lo vuole lo regalerò con un giveaway.

6 commenti:

  1. che belli i tuoi UP!!! sono molto contenta che la tua settimana sia stata così piena di cose positive.. la mia invece è un disastro, non ne salverei un secondo solo ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari fossero tutte così le mie settimane!!! Purtroppo, accade una volta ogni morte di papa che non riesca a trovare neanche un piccolissimo down, però a questo giro me la sono goduta :)

      Elimina
  2. WOOW! Per il rinnovo del contratto (io aspetto dopo il 3 Agosto e poi vedo dove impiccarmi) ;)
    WOOW! Anche per il regalo, mi piacerà vederne i frutti su questi schermi (purchè non siano gatti! Ahahah! Scherzo...).

    E...ho il sospetto che quello sforzo potrebbe farti diventare strabica ;)
    Ovviamente spero pubblicherai il quadro!

    Sul numero 6 sai come la penso e comunque se non te lo poni tu il problema, perchè dovremmo farlo noi dal di fuori? Eh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il contratto sono contenta, ma non mi posso adagiare troppo sugli allori, perché l'azienda per cui lavoro è a rischio chiusura quindi non è che avere questo rinnovo mi para il culo a vita;
      per quanto riguarda le foto sicuramente pubblicherò qualcosa anche qui (non solo gatti, tranqui), ora mi manca il tempo materiale per andarmene a cazzeggiare
      per il quadro non temere: non solo lo farò vedere ma lo regalo pure, se qualcuno sarà così pazzo da volerlo! Prima però lo devo fare!!!
      Sul punto 6: ahi, mi sa che sei una delle poche che ha letto quel mio famoso post che poi ho cancellato! La verità è che sono una donna in crisi, con parecchi perché da risolvere, sempre in bilico tra il senso del dovere e i miei desideri più segreti...per ora tengo a bada i miei demoni perché è giusto così

      Elimina
    2. Ma tu Hobina conosci qualcuno col culo parato a vita oggi come oggi?? (mi riferisco a noi comuni mortali, non parlamentari e compagnia bella...).
      Se mi piacerà, mi prenoto subito come prima candidata per il regalo :)

      Sì, l'avevo letto...ma il fatto che tu l'abbia subito eliminato mi fa capire la probabile incertezza che vivi in quel contesto, ognuno in fondo ha i suoi tempi per fare chiarezza dentro di sè e avvicinarsi alle proprie pulsioni (o priorità) più forti...

      Elimina
    3. nessuno può dirsi al sicuro dai rovesci di fortuna, però nella mia cerchia di conoscenze c'è gente che ancora se la passa tutto sommato bene e che non deve attaccarsi come me a piccole cose o farsi i conti infinite volte per starci dentro...io personalmente tiro a campare, giorno per giorno, tengo duro e sotto sotto spero sempre che qualcosa cambi in meglio o che finalmente arrivi la grande occasione della mia vita (mi sa che sono un'ingenua, vero?)


      ps quel post mi manda ancora in crisi e sono sempre in bilico tra sentimenti discordanti, ma forse questi sono fatti fisiologici della coppia...non so, anche in questo caso, cerco di tenere duro e vivo alla giornata

      Elimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.