mercoledì 15 febbraio 2012

Cani e porci #12


Per caso vi era mancata questa rubrica? Non lo so, comunque eccomi di nuovo qui a segnalarvi un caso di editoria selvaggia: Alba Parietti, la nostra Alba Nazionale le cui labbra assomigliano sempre più ad un canotto (ce li avessero avuti sulla Costa Concordia....) se ne è uscita in questi giorni con una specie di autobiografia intitolata Da qui non se ne va nessuno, pubblicata, udite udite, dalla Mondadori. Ora, cosa avrai mai Alba da raccontare ai famelici lettori italiani? Sguazzo in una beata ignoranza e onestamente non sento l'esigenza di tirarmene fuori.

La storia, trita e ritrita, dei suoi amori (da De André a Christophe Lambert passando per Bonaga) e delle sue esperienze televisive non provoca in me la benché minima curiosità (per quello c'è Novella 2000) mentre i ricordi legati alle sue vicende familiari sono già un pelo più interessanti: un padre antifascista e partigiano, una madre afflitta da problemi psicologici e un fratello rinchiuso in manicomio. Io di sicuro non lo comprerò (ma io non conto dato che ho fatto fioretto di non comprare libri per tutto il 2012), ma se lo trovassi in biblioteca potrei anche fare lo sforzo di leggerlo. Vabbé, io ve l'ho segnalata: fatemi sapere se c'è qualche folle disposto a leggerlo o qualche masochista disposto a spendere 17 euri 17 per accaparrarselo e finanziare la prossima plastica della signora Parietti.

19 commenti:

  1. Potrebbe essere anche inserito nella rubrica: "mai più senza".

    Ciao Hobina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lady ma anche no! vivrei lo stesso!!

      Elimina
  2. Francamente, di questo libro, me ne infischio!

    Un abbraccione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. kylie beh, anche io, però questa è una rubrica per sfottere e dimostrare che l'editoria italiana fa veramente ca#@re

      Elimina
    2. Tempo fa lessi un libro della Zanicchi preso da mia mamma. Capii che le soubrette, cantanti, attrici, raramente hanno il talento giusto per scrivere grandi romanzi. Non credo che la Parietti sia diversa.

      Elimina
  3. sinceramente dico,e chi se ne frega, Alba si improvvisa scrittrice e la pubblicano, certo è famosa, mentre una persona non famosa deve sgobbare purchè venga pubblicata magari il suo libro è migliore di questo libro qua...non lo comprerò mai XDDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arwen sono assolutamente d'accordo con te e lo vado dicendo da secoli...purtroppo le grandi case editrici continuano ad investire su questo tipo di testi (dire libri sarebbe davvero troppo!!

      Elimina
  4. Con che coraggio vai in libreria e chiedi il libro della Parietti? Va be' secondo me ci vuole coraggio anche per comprarsi il libro di Vespa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. principe non ci crederai ma in rete (su ibs per l'esattezza) c'è anche una recensione!!! ovvero c'è un pirla che se lo è pure letto...io leggerei solo la parte sulla sua famiglia, perché mi ha intrigato la storia del padre partigiano, ma per il resto...

      Elimina
  5. Secondo me è uno spot per i giovani lettori: "Se scrive la Parietti, allora possono scrivere tutti!!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. affari nostri, guarda, non credo che il messaggio della mondadori fosse quello...purtroppo i giovani scrittori sono costretti a pubblicare a pagamento, per lo più, se proprio si vogliono far pubblicare, oppure devono trovare altri canali per farsi conoscere...la verità è che negli scaffali italiani c'è troppa monnezza, troppi titoli, troppi autori, quasi mai di valore, ma che vengono portati avanti da un marketing selvaggio a discapito dei veri talenti che spesso non sono valorizzati

      Elimina
  6. Ti giuro che l'altro giorno, quando ho visto questa "opera" in bella mostra in libreria, ho pensato alla tua rubrica!!! Giuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nicky infatti era da un bel po' che non mi capitava un titolo da inserire in questa rubrica e la parietti ci stava dentro con tutti gli onori!!!mah,

      Elimina
  7. Ha ragione Affari nostri! In un certo senso è incoraggiante ;-)
    ...o forse no? o_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adriana come dicevo, non credo fosse quello il messaggio..Mi chiedo ma queste case editrici credono davvero che i lettori italiani siano dei fessi? ma perché buttano via così i loro soldi? perché non li investono in modo più intelligente? mistero...

      Elimina
  8. Risposte
    1. adriano però è sempre una bella donna, nonostante il silicone!

      Elimina
  9. OMG! Questo mi mancava nel file "trash"!.
    brrrrr

    RispondiElimina
  10. braccia rubate all'agricoltura

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.