domenica 18 dicembre 2011

Che s'ha da fa pe' campà: Eva Mendes, Emily Blunt, Ryan Reynolds


Ritorna una delle rubriche di questo blog cui sono maggiormente affezionata, Che s'ha da fa pe' campà, che in tempi di crisi economica casca pure a fagiolo, anche se dubito fortemente che i personaggi che sto per menzionare patiscano la fame mangiando pane e cipolle come noialtri. Comunque, tornando a noi, puntualmente sotto Natale, insieme alle pubblicità dei panettoni, in televisione spuntano come funghi dopo le piogge di questi giorni gli spot dedicati a profumi.


La concorrenza è spietata e ce n'è per tutti i gusti: io amo molto le pubblicità dei profumi perché solitamente sono molto curate e credo di averne già pubblicate parecchie su queste pagine, però vorrei far presente che anche se mi bombardano di spot mai e poi mai regalerei un profumo sotto Natale.


Il profumo è come la mutanda, uno se lo deve scegliere di persona: non si può delegare, non ci si può affidare al caso, uno non vale l'altro. Personalmente in passato ho ricevuto delle robe terribilmente puzzolenti che non uso neanche più come deodoranti per casa e ormai ho la stessa boccetta di Chanel n. 5 da anni (due gocce, come Marilyn, non una di più, chi lo usa sa perché) perciò se qualcuno osasse mai regalarmi il Thierry Mugler pubblicizzato da Eva Mendes credo che mi affretterei a barattarlo con qualcos'altro su Reoose in quanto è una delle fragranze più nauseabonde che le mie narici abbiano mai respirato. Lo spot è molto avveniristico e la canzone The windmill of your mind è cantata dalla stessa Mendez. Il profumo fa schifo, ma la pubblicità è carina.


Diverso discorso per l'Opium di Yves Saint Laurent pubblicizzato dalla bellissima Emily Blunt: è esattamente il mio secondo profumo preferito dopo lo Chanel, ma è solo per poche, anzi pochissime. La musica scelta è la Lacrimosa di Mozart. Emily Blunt qui è sensualissima, anzi direi quasi voluttuosa.  Ottimo il profumo e molto sofisticato lo spot. Bello


Infine, voglio fare felici le ragazze con quel manzo di Ryan Reynolds testimonial dello spot Hugo Boss Bottled Night, che si fa perdonare di aver girato quella cagata pazzesca di Green Lantern. La canzone scelta è una delle mie preferite, Angel dei Massive Attack. Il profumo non lo conosco per ovvie ragioni, ma lui (che ve lo dico a fare) è un pezzo di figo che fa venire la bava alla bocca.


E ora sondaggio: qual'è secondo voi il miglior profumo della storia dei profumi? E qual'è il peggior profumo che vi hanno regalato? Tanto lo so che qualcuno prima o poi ve ne ha rifilato uno, magari riciclato, quindi fatevi avanti. Per quanto mi riguarda il peggior profumo che mi sia stato regalato è un Versace di cui non ricordo il nome e che credo ormai fuori produzione. Una roba terribile...

5 commenti:

  1. a me fortunatamente hanno sempre regalato i profumi che desideravo, mai a scatola chiusa, e sempre a Natale ;) Lou Lou di Cacharel (ho ancora il contenitore da 20 anni) poi Alien Thierry Mugler, Dolce e Gabbana, Irresistible di Givenchy, lo regalerei solo se sapessi che la persona lo desidera ;)

    RispondiElimina
  2. @queen omg! lou lou e irresistible terribili!!! alien non lo conosco, sul D&G dipende da quale...

    RispondiElimina
  3. Ciao Hobina,

    Buone Feste e tanta serenità

    RispondiElimina
  4. @i am ciao carissima, buone feste anche a te, quest'anno per quanto mi riguarda saranno sottotono un abbraccio :)

    RispondiElimina
  5. l'Opium di Yves Saint Laurent lo usavo quand'ero sposata, mi piaceva molto... poi ...quando mi sono separata non l'ho piu' comprato :-) pero' devo dire che rivedendo la pubblicita' soprattutto per quel favoloso ghepardo.. me lo ricomprerei. So che con quel profumo addosso avevo un codazzo di spasimanti ehehehehe.... Il profumo e' anche un'emozione, va a momenti... di solito ne alterno sempre 3, 4... tra chanel e bulgari e YSL...

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.