sabato 26 novembre 2011

Reoose: il primo eco-store del baratto asincrono


Ve la sto menando troppo con la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti? Tranquilli, finisce domani e poi le trasmissioni su questo blog dovrebbero riprendere con una certa normalità (come se ce ne fosse mai stata!) Tuttavia, prima di lasciarvi in pace gli zebedei con la storia del riciclo e della decrescita mi sentivo assolutamente in dovere di spendere due parole su questo favoloso portale che è Reoose e che anche io ho scoperto da pochissimo.

I due fondatori sono Luca e Irina, una coppia come tante che possedeva un materasso senza sapere che farsene. Dopo avere provato con vari stratagemmi a scaricarlo a parenti e amici, i due eroi si sono dovuti rassegnare all'evidenza: siccome non lo voleva nessuno e a loro non serviva, il materasso è finito in discarica. Poi gli si è accesa la lampadina tipo Archimede Pitagorico (perché le buone idee nascono sempre dopo aver fatto una cazzata) e hanno creato Reoose, il primo eco-store tutto italiano di baratto asincrono.

In pratica tramite Reoose ci si scambia gli oggetti senza usare il denaro; ad ogni oggetto che inseriamo nel sito vengono assegnati automaticamente dei crediti che potranno essere spesi in seguito per acquistare qualcosa che ci serve. Non si butta via nulla e non si è costretti a comprare. Ci si possono trovare oggetti firmati oppure no, cose nuove oppure usatissime. Ogni oggetto viene privato del suo valore commerciale e considerato solo per la sua effettiva utilità. Quindi una borsa, che sia di marca o meno, serve a contenere altre cose e ha sempre lo stesso valore in termini di crediti.

Reoose non è nato con lo scopo di far guadagnare soldi a chi vende (insomma, non è Ebay), ma con il buon proposito di rimettere in circolazione oggetti che a noi non servono più e che qualcun'altro (magari il nostro vicino di casa) sta disperatamente cercando.

Come accennavo qualche post fa tramite Reoose sto provando a dar via degli oggetti che non uso più, che non sono riuscita a vendere e che per nessuna ragione al mondo voglio buttare. Non so se ci riuscirò, ma per lo meno ci voglio provare. Ho ottenuto giusto oggi l'approvazione alle mie due inserzioni e totalizzato 130 crediti, ma devo aggiungere tantissime altre cose quindi conto di metter su un bel malloppo. Che dire: l'idea è brillante, mi piace e spero che funzioni. 

Dimenticavo: date un occhio anche al blog perché è ricco di informazioni e suggerimenti!

11 commenti:

  1. Anche io sono iscritta da poco a reoose, e ho colto al balzo l'occasione per fare pulizia! Ora sto scattando le varie foto degli oggetti che vorrei dare via, e presto le metterò sul sito :) trovo sia un'iniziativa utilissima!

    RispondiElimina
  2. bello!!! mi sa che lo userò assai! ;-)

    RispondiElimina
  3. Che coincidenza, proprio ieri su Radio24 ho sentito che parlavano del baratto (io è una vita che sostengo che bisognerebbe tornare al baratto e smetterla di usare quei maledetti pezzi di carta che creano non pochi problemi...ma è un'utopia, lo so) comunque per chi fosse interessato parlavano del sito zerorelativo.it.

    RispondiElimina
  4. Anch'io sto facendo affari su Reoose.com. Credo che con la storia dei crediti funzioni molto di piu' di un classico sito di baratto. Ho comprato un bellissimo passeggino per il mio secondo bimbo :)

    RispondiElimina
  5. Che bella idea, ho così tanti oggetti che non uso più ma che vorrei avessero una nuova vita... grazie per la preziosa segnalazione!

    RispondiElimina
  6. ma tu dici che posso mettere anche me sul sito? forse qualche amante di cose "agèe" la trovo!

    RispondiElimina
  7. @camilla spero anch'io che funzioni, le ho provate tutte per liberarmi di certi oggetti
    @minerva dal mio punto di vista è interessante il sistema dei crediti che toglie il valore commerciale alle cose e ne ridà uno nuovo più giusto in termini di utilità
    @ciccola prego!
    @orsa zerorelativo è sicuramente più rodato rispetto a reoose, però lì si fa baratto classico, mentre qui dai via le tue cose, accumuli i crediti e prendi qualcosa solo quando effettivamente ti serve. L'importante alla fine è buttare il meno possibile
    @stefania grazie per il tuo commento: sono felice di sapere che il sistema funziona!
    @adriano le sto provando tutte!
    @automaticjoy prego! se t'iscrivi fammi sapere come va
    @kylie infatti, perché buttare qualcosa se può servire a qualcun'altro
    @old man sono sicura che non sei così agé come dici! ciò che conta è lo spirito :)

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.