venerdì 11 novembre 2011

Le cose


Ieri parlavo al telefono con mia madre la quale si lamentava di essere stata costretta a cambiare di nuovo il decoder della televisione nonostante fosse praticamente nuovo. Credo sia il quinto che i miei cambiano da quando siamo passati al digitale: che siano particolarmente sfortunati con gli elettrodomestici? Non credo. La spiegazione si chiama obsolescenza pianificata, un concetto un po' astruso per i non addetti ai lavori che consiste nel costruire deliberatamente oggetti destinati a rompersi dopo poco di modo che il consumatore vada immediatamente ad acquistarne di nuovi, arricchendo l'azienda che li produce. 

In pratica è il concetto che sta alla base del consumismo: fino agli anni '80 gli elettrodomestici erano fatti per durare decenni (mi viene in mente il famoso spot Zoppas), adesso invece quando compriamo un televisore, una radio, una lavatrice, un telefonino (ma qui il discorso sarebbe molto più ampio visto che i cellulari sono diventati lo status symbol per eccellenza) sappiamo già che dopo 6/12 mesi potremmo essere costretti a cambiarlo, perché appunto l'oggetto in questione si rompe o perché esce sul mercato un nuovo modello.

Il video sopra, intitolato La storia delle cose (la versione in inglese QUI) spiega in maniera cristallina questo processo. E' un po' lungo, ma vale assolutamente la pena di vederlo fino in fondo: magari non cambierà nell'immediato il nostro modo di relazionarci alle cose, ma di sicuro ci accompagnerà verso una nuova consapevolezza. 

9 commenti:

  1. Brava, brava, brava - queste sono cose che vanno fatte conoscere per promuovere la consapevolezza e la capacità di autodifesa da una società in pieno delirio di onnipotenza.
    Una buona giornata e grazie per questo post!

    RispondiElimina
  2. cosa che ho sempre sotenuto da tempi immemori ù__ù ricordso ancora con amore il mio primissimo cellulare, il Nokia 3310: quello era IL cellulare per eccellenza!! mi è caduto in terra, in acqua, ha tirato l' umido, gli si era cristallizzata la batteria dentro, e chi più ne ha più ne metta.. eppure, dopo 3-4 anni di intenso utilizzo, quando ho deciso di cambiarlo per passare a qualcosa di più "moderno" [che stupida -__-] era ancora più che perfettamente funzionante!!! non ho mai più avuto un telefono che sia durato così tanto :/
    opure basta pensare alle macchine: quelle di adesso puntano sulla velocità e altre mille c*****e, mentre quelle di prima erano chiaramente fatte per durare e per esere resistenti; la mia Fiat Uno risalente a ben 25 anni fa (è più vecchia di me XD)è talmente massiccia che in uncidente contro una macchina standard moderna, mentre la mia non si farebbe praticamente nulla, l' altra ne uscirebbe distrutta °___°
    adesso è così purtroppo.. per questo preferisco (per quanto riguarda cose importanti come elettrodomestici o mobili) spendere magari un po' di più, ma acquistare un prodotto di qualità che durerà nel tempo nonostante l' uso intensivo!!!

    RispondiElimina
  3. desidera, compra, consuma, getta via....crepa! E' un ciclo drammatico che bisogna interrompere.

    RispondiElimina
  4. Ecco una patente, documentata conferma a quanto in proposito pensavo da tempo!

    RispondiElimina
  5. Conoscevo quel video e pure il merdosissimo concetto di obsolescenza pianificata che non hai idea di quanto mi faccia imbestialire; qualche mese fa si è rotto lo sportelletto del vano batterie della mia camera digitale e mi hanno detto che avrei dovuto comprarne una nuova! o_O
    Rassegnata l'ho dovuta comprare ma non mi riesce di gettare la vecchia che in pratica sarebbe perfettamente funzionante!
    Comunque io contribuisco molto poco al consumismo folle (ho un cellulare che funziona benissimo pagato 14.90!).

    Ciao scema! (ihihihih, non ci hai riprovato eh?) :)

    RispondiElimina
  6. Bellissimo video lo farò vedere ai miei figli!

    RispondiElimina
  7. Bello il video, non lo conoscevo. A perfetta integrazione del mio post di ieri.
    Continuiamo a fare girare queste idee. E' più importante di quanto non sembri. :-)

    RispondiElimina
  8. @minerva anche io sto iniziando a fare i primi passi verso la consapevolezza; non sono mai stata una grande consumatrice, ma ho contribuito anch'io con i miei acquisti sbagliati e la mia ignoranza, si può fare di più :)

    RispondiElimina
  9. @pavona io il nokia lo uso ancora: posso solo chiamare e ricevere: mi ci trovo da dio!!! finché funziona NON LO CAMBIO
    @cirano spezzare quel circolo vizioso è difficile, ma ci si può provare
    @adriano non si finisce mai di imparare :)
    @orsa a me la stessa identica cosa è capitata con la mia compatta Fujifilm, stesso problema: si è rotto il vano batteria, ma continuo a usarla con un po' di scotch di carta, le foto mi vengono uguali a prima !!! Ps no, sono proprio scema!!però ho fatto il test ed è venuto fuori che sono una blogger stronza!!!
    @alessandro bravo, bisogna cominciare con le nuove generazioni
    @grande marziano credo anch'io sia importante parlarne, personalmente ho iniziato una riflessione seria su questi temi solo da qualche mese, prima brancolavo nel buio; come è successo a me di aprire gli occhi, può succedere ad altre persone, io sento che l'idea di decrescita inizia a circolare e soprattutto, ad essere messa in pratica concretamente

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.