lunedì 21 novembre 2011

Colpo di fulmine, anzi no, è amore


Di solito non pubblico le mie foto su Otherworlds perché lo faccio nell'altro blog, ma questa creatura meravigliosa meritava bene un'eccezione alla regola. Come potete vedere l'oggetto del mio colpo di fulmine questa volta non è un musicista o un attore, ma un simpatico e innocuo geco comune (tarentola mauritania) che ho trovato in giardino questo pomeriggio.

Non so cosa ci facesse a giro a quell'ora visto che i gechi sono animaletti notturni, ma me lo sono ritrovato di fronte alla porta di casa (ultimo di una lunga serie di visitatori - vedi le limacce e gli scorpioni) immobile, quasi inerme, probabilmente terrorizzato dal gatto, da cui l'ho subito messo al riparo.

Perché vi racconto tutto ciò? Perché vorrei sfatare una stupidissima credenza popolare secondo cui i gechi emettono delle sostanze corrosive. Moltissime persone hanno paura di questi animaletti o hanno una vera e propria fobia; esistono addirittura pagine Facebook dedicate, altre in cui si danno consigli per ucciderli di cui non riporterò il link perché questa gente mi FA SCHIFO.

Come potete vedere dalla foto questo geco l'ho tenuto in mano per un bel po' (e non senza dispiacere l'ho rimesso in libertà perché sarei stata a guardarlo per ore) e vi assicuro che è ancora al suo posto, tale e quale a prima: niente bruciature, nessuna ustione, insomma perfetta.

Uccidere queste creature non è solo inutile, è dannoso, stupido e crudele.
 I gechi si pappano le odiosissime zanzare (quelle sì, le ammazzo anch'io, mica sono buddhista!) e portano fortuna: nelle culture orientali sono considerati simbolo di rigenerazione, forza e spirito di adattabilità, per altre invece rappresentano l'amicizia imperitura (per via delle ventose).

Vi prego, se ne trovate uno lasciatelo in pace: i gechi sono assolutamente INNOCUI.
Per vedere le altre foto vi rimando qui.

19 commenti:

  1. A me ricordano dei coccodrilli in miniatura, infatti non mi ispirano molta tenerezza.
    Però non mi sognerei mai di ucciderli (ma nemmeno di prenderli in mano!!!)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Giuste osservazioni e salvaguardiamo la natura.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  3. Sono bellissimi (mio figlio mi ha più volte chiesto di poterne allevare uno) e anche molto utili,visto che mangiao un sacco di insetti nocivi.
    Ultimamente sono oggetto di studio di parecchi laboratori per poter replicare la tstruttura delle loro dita.
    Pare infatti che grazie ad un sistema ingegnosissimo di nano-peletti riescano a stare appesi su quasiasi superfice.
    Altro che Spiderman!

    RispondiElimina
  4. Da piccola prendevo spesso i gechi e non mi hanno mai fatto male! Sono bellissimi! :)

    CFF

    RispondiElimina
  5. è un animaletto simpatico, sicuramente innocuo, ma non lo prenderi in mano per nulla al mondo ;)

    RispondiElimina
  6. Guarda, io non schiaccio nemmeno gli insetti. Di solito le ragazze urlano. Io prendo un foglio, ci appoggio delicatamente sopra oppure lo tengo in mano e lo porto fuori e per insetti parlo anche di cimici!
    Mi è capitato anche di tenere un piccione e trasportarlo in un luogo più tranquillo (era quasi in mezzo alla strada).
    Ovvio che se una zanzara mi becca, non sono indifferente.
    Ti lascio con delle foto che ho fatto ad un'ape.
    Era sulla mia maglia. Io l'ho presa delicatamente nella mano e poi le ho fatto delle foto. Si stava "pettinando" le ali.

    http://almacattleya.blogspot.com/2010/04/sbocchi-di-vita.html

    Le trovi alla fine

    RispondiElimina
  7. Non ne ho mai visto uno da vicino in vita mia. Però è simpatico.

    Buon martedì!

    RispondiElimina
  8. Le stesse cose - più o meno, tu scrivi bene - ce le disse tanti, tanti fa mio padre. Solo che altri ne passarono prima riuscissi a fare coincidere il dialettale "labrena" con il termine geco.

    RispondiElimina
  9. @orsa a parte il fatto che sono innocui, ma io ho proprio un debole per le creaturine tutte, anche quelle comunemente considerate schifose (topi, serpenti, lumache etc), quindi per me non è una cosa così straordinaria tenerli in mano
    @cavaliere giusto, non salverò i panda dall'estinzione ma almeno salvo le creature del mio giardino!

    RispondiElimina
  10. @alex non sapevo di questi studi, mi sembra molto interessante! se decidi di allevare un geco in casa dovresti prima informarti bene (ti lascio questo link http://www.italiangekko.net), il geco che ho trovato io è di tipo comune e non credo si possa allevare, mangia insetti, ma ci sono gechi carnivori che si pappano i topini quindi pensaci bene prima di procedere!!!! piacerebbe anche a me allevare qualche bestiaccia, ma purtroppo non posso decidere da sola:(

    RispondiElimina
  11. @CCF io ero come te: da piccola portavo a casa di tutto, ma mia madre non ne era per nulla felice!
    @queen giuro, non fanno nulla, sono carinissimi :)
    @alma ho visto le tue bellissime foto, le api non le schiaccio, ma ho sempre paura che mi pungano quindi se ne vedo mi allontano (ne deduco che tu non sia mai stata punta!)
    @kylie beh, allora ti auguro che ti succeda prima o poi, sono troppo carini, soprattutto quando girano in coppia!
    @adriano il tuo babbo allora era un saggio! geco in ligure si dice labrena? non lo sapevo!

    RispondiElimina
  12. sono daccordo con te!! sono carinissimi e molto utili contro gli insetti! ..peccato con tre gatti in giro per casa, è più facile trovarli già morti :(

    RispondiElimina
  13. @pavona lo so, lo so, infatti anche il mio gatto lo guardava con lussuria, però l'ho messo in salvo per tempo!!!

    RispondiElimina
  14. è bellissimo...da piccola mi perdevo nel giardino dei nonni giocando con qualche animaletto...non riuscirei a far del male...un abbraccio...;)

    RispondiElimina
  15. sono stata punta una volta di recente. ho sentito qualcosa sulla testa, ho messo la mano e lì mi ha punto, sul pollice. Avrò messo la mano così in fretta che l'ape si è difesa.
    Invece l'ape di quelle foto l'ho presa delicatamente e con tutto il riguardo. Credo non abbia sentito pericolo.

    RispondiElimina
  16. @ne mora ne bionda mi rincuora sapere che c'è chi ama come me queste bestiole! purtroppo c'è tantissima gente che le uccide solo perché gli fanno schifo
    @sab :)
    @alma credimi, a volte le api ti pungono anche se non le disturbi, quindi chapeau se sei riuscita a tenerla in mano!

    RispondiElimina
  17. Anche io ne ho (avevo?) uno che risiedeva fisso sul balcone di casa dei miei :D
    Non so come e perché, ma ogni ano lo ritrovavamo in giro là fuori, e una volta anche dentro casa!
    Si nascose dietro una libreria.

    Ma tu come hai fatto a prenderlo in mano? Il mio sgusciava via non appena si accennava anche solo un movimento verso di lui...

    RispondiElimina
  18. @smalto si fanno la tana ed escono per mangiare...io sono riuscita a prenderlo perché c'era il gatto che lo aveva puntato e il poverino era immobile per la paura (forse si fingeva morto), ma anche preso in mano è rimasto abbastanza tranquillo...ritengo di essere stata fortunata :))

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.