martedì 18 ottobre 2011

Terranova di nome, ma non di fatto

Tra me e le serie tv da sempre non scorre buon sangue (perché mi dimentico quando vanno in onda, su che canale, sono troppe e non riesco a scegliere obiettivamente quale vale la pena di seguire) però quando ho letto che su Fox partiva questa prodotta da Steven Spielberg sono andata a recuperarla in streaming. Mi interessava perché appunto l'ha prodotta lui, perché è ambientata nel periodo cretaceo e perché è di genere fantascientifico, ma non mi ha preso come avrei sperato.

Terranova, che a quanto pare è costata un botto di milioni (si dice tra i 10 e i 20 alla faccia della crisi) racconta le vicende di una famiglia che viene catapultata nell'era dei dinosauri. Siamo nel 2149, l'aria è irrespirabile, tutti vivono in modo cencioso, un'arancia viene guardata come se fosse l'elisir dell'eterna giovinezza, è vietato fare più di due figli e se ti vuoi salvare la pellaccia venendo spedito 85 milioni di anni addietro devi vincere una lotteria oppure essere un genio con un numero non meglio precisato di specializzazioni.

La dottoressa Shannon viene reclutata per far parte del decimo esodo, insieme ai due figli "autorizzati" (che poi qualcuno dovrebbe spiegarmi a che età li avrebbe fatti questi due adolescenti visto che lei stessa sembra avere 20 anni), mentre il di lei marito Jim e la figlia abusiva Zoe sono condannati a restare nella Terra nauseabonda sull'orlo del collasso.

Le dinamiche e la trama sono le solite: c'è una famiglia che tenta di ripartire da zero e ritrovare la perduta felicità, ci sono le incomprensioni tra padre e figlio, una protagonista che è una superdonna in carriera, ma è anche fighissima, c'è il messaggio ecologico-ambientalista alla Avatar, il salto spazio-temporale come in Stargate, c'è la foresta pluviale e i ribelli come in Lost (cui è stato qua e là paragonato), e poi ci sono i dinosauri come in Jurassic Park. Insomma, tutta roba già vista. Non so se continuerò a vederlo, ma per la cronaca va in onda il martedì su Fox alle 21.00

2 commenti:

  1. io ho una specie di dipendenza cronica dalle serie televisive e ogni volta che ne parte una nuova mi ci piazzo davanti come una bambina con un giocattolo nuovo. Questa non mi è dispiaciuta ma da Spielberg mi aspettavo molto di più, e come dici tu è una sorta di incrocio fra Avatar, Jurassic Park e Stargate. Mi sa che Steven comincia a perder colpi...

    RispondiElimina
  2. @nicky anche io ho iniziato a guardarla proprio perché la firma di Speilberg però sono rimasta un pò delusa, vedremo come prosegue...

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.