sabato 18 giugno 2011

Letto e commentato: Il diario del vampiro. La messa nera, di Lisa Jane Smith

Autore: Lisa Jane Smith
Casa editrice: 
Dove e quando: Fell's Church, anni '90

L'Incipit
Tutto può tornare come prima, disse Caroline di cuore, allungando una mano per stringere quella di Bonnie. Ma non era vero. Niente avrebbe potuto essere come prima che Elena morisse. Niente. E Bonnie nutriva seri dubbi sulla festa che Caroline stava cercando di organizzare. Un vago fastidio alla bocca dello stomaco le diceva che per qualche ragione era proprio una pessima idea.

Cosa ne penso
Elena Gilbert ormai è morta da sei mesi, ma le sue amiche Meredith e Bonnie continuano a struggersi nel dolore della perdita; i fratelli Salvatore hanno abbandonato Fell's Church per rifugiarsi nella loro Firenze (non basta prendere il nome di una via dallo stradario per creare l'atmosfera di una città), ma vengono richiamati entrambi dalla forza psichica di Bonnie, allarmata dalla nuova ondata di fatti misteriosi che si è abbattuta sulla placida cittadina.

Altre due ragazze (Sue e Vicky) sono morte in circostanze misteriose e il colpevole non sembra appartenere al genere umano. Bonnie (quella con i poteri paranormali) continua ad essere visitata nei sogni dallo spirito di Elena che cerca di metterla in guarda dai pericoli che i suoi amici e l'intera comunità stanno correndo. Klaus, il potente vampiro che aveva trasformato Katherine, è arrivato in città deciso ad annientare i Salvatore.

Questa per sommi capi la trama di questo quarto capitolo de Il diario del vampiro. La messa nera è sicuramente il peggiore dei romanzi che ho letto fino a questo momento. La trama è sconclusionata (perché Klaus viene a Fell's Church? Da cosa è mosso realmente?) e la conclusione del romanzo è semplicemente ridicola (Elena che risorge dopo essere morta per ben due volte?), i personaggi sono mal caratterizzati  (soprattutto i due fratelli le cui azioni piuttosto che essere mostrate al lettore sono raccontate attraverso le parole di Bonnie), infine lo stile è mortalmente ripetitivo (dall'inizio alla fine la Smith non fa che ripetere cosa è successo nei capitoli precedenti, forse consapevole di aver perso l'attenzione del lettore).

La Smith dopo essersi finalmente liberata di un personaggio francamente odioso (Elena è brava, bella e buona, e la reginetta del ballo e tutti cadono ai suoi piedi) cambia idea e decide di farla tornare in vita dopo averla uccisa per ben due volte (la prima per affogamento, la seconda nella lotta contro Katherine), ma lo fa senza preoccuparsi minimamente della verosomiglianza, infatti Elena non torna in gioco sotto forma di creatura ultraterrena, ma in carne ed ossa, come se nulla fosse accaduto, dettaglio che ho trovato alquanto inverosimile pur trattandosi di un paranormal romance. Ridicolo il colpo di scena in cui si scopre che Tyler (il maniaco sessuale) è un licantropo e la descrizione del vampiro Klaus, ma anche l'intervento degli spiriti dei soldati sudisti sepolti nel cimitero di Fell's Church e il tocco "miracoloso" di Elena che interviene a salvare da morte certa le amiche e i due fratelli.

Non vado oltre. Davvero non so perché continuo a farmi del male leggendo i romanzi di Lisa Jane Smith: l'unica spiegazione che mi so dare è che ci deve essere in me una tendenza autolesionistica che proprio non riesco a frenare. La saga non mi aveva appassionata fin dall'inizio, però di tutti i quattro romanzi letti fino ad ora questo è davvero quello più noioso, ripetitivo e scritto male. Che la Smith non fosse una scrittrice di grande qualità l'avevo intuito fin da Il risveglio, ma solo ora ho avuto la conferma che la sua fama è largamente immeritata. Per il momento con questa saga mi fermo qui, perché francamente ho cose più interessanti da leggere sottomano e non mi va di perdere altro tempo. 2 stelle, e sono stata di manica larga.

La trama
Non c’è più traccia di Stefan e Damon da quando è scomparsa la bellissima Elena, l’amore che ha unito e diviso i due fratelli vampiri. Intanto Caroline è decisa a riconquistarsi le sue vecchie amiche: Bonnie, dotata di poteri paranormali, e la risoluta, sfuggente Meredith. Ma Bonnie sa che qualcosa sta per accadere. Sente che l’immane forza malvagia che ha già seminato tanto terrore sta tornando. Altro male sta per abbattersi sugli abitanti di Fell’s Church, un male inaudito: l’Altro Potere si prepara a mietere nuove vittime, e i nostri giovani eroi combatteranno una dura battaglia in cui, per fermare in tempo il male, dovranno essere pronti a tutto. Anche a mettere da parte le passioni personali, così brucianti e così distruttive.

Il diario del vampiro
Il risveglio (commentato QUI)
La lotta (commentato QUI)
La furia (commentato QUI)
La messa nera
Il ritorno
Scende la notte
L'anima nera
L'ombra del male
La genesi
Sete di sangue
Strane creature

3 commenti:

  1. iL LIBRO SARA' MEDIOCRE, NON AMO I VAMPIRI... PERO'
    IL TUO POST E' DELIZIOSO.
    BUONA DOMENICA

    RispondiElimina
  2. elena gilbert è morta...
    oddio cosa sta succedendo? non vado avanti a leggere, spero che nella serie tv s inventino qualcos'altro... *__*

    RispondiElimina
  3. @i am :)
    @marco sfortunatamente, ad eccezione per i primi tre episodi, non ho visto la serie tv, ma tutti sono concordi nel dire che sia meglio dei romanzi, non che ci voglia molto a dire il vero, qualsiasi trovata potrebbe andar bene!

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.