giovedì 16 giugno 2011

CineLibri: Novecento, di Alessandro Baricco

Autore: Alessandro Baricco
Titolo: Novecento
Casa editrice: Feltrinelli
Dove e quando: Sul Virginian, prima metà del '900

L'Incipit
Succedeva sempre che a un certo punto uno alzava la testa e la vedeva. E' una cosa difficile da capire. Voglio dire...Ci stavamo in più di mille, su quella nave, tra ricconi in viaggio, e emigranti, e gente strana, e noi...Eppure c'era sempre uno, uno solo, uno che per primo...la vedeva. Magari era lì che stava mangiando, o passeggiando, semplicemente, sul ponte...magari era lì che si stava aggiustando i pantaloni...alzava la testa un attimo, buttava un occhio verso il mare...e la vedeva. Allora si inchiodava, lì dov'era, gli partiva il cuore a mille, si girava verso di noi, verso la nave, verso tutti, e gridava (piano e lentamente): l'America.

Cosa ne penso
Inizia così questo meraviglioso monologo scritto da Alessandro Baricco nel 1994, pensato inizialmente per il teatro e poi diventato quattro anni più tardi la base per il film di Giuseppe Tornatore La leggenda del pianista sull'oceano.

La storia penso sia nota ai più: la voce narrante, un trombettista salito a bordo del Virginian nel 1927, racconta della figura mitica, entrata non a torto nella leggenda, di Danny Goodmann T.D. Lemon Novecento, meglio noto come Novecento, abbandonato da genitori emigranti in fasce sul transatlantico Virginian e da lì mai sceso a terra.

Novecento non si sa bene come e quando impara a suonare il pianoforte e diventa il pianista ufficiale della nave: suona come nessuno aveva mai sentito prima, con passione, trasporto, come se si trovasse da un'altra parte e non a bordo di una nave e soprattutto lo fa per tutti, senza distinzione di classe: ricconi, emigranti, equipaggio tutti allo stesso modo hanno diritto di apprezzare la sua musica.

La sua leggenda arriva fin sulla terra ferma, dove il grande musicista Jelly Roll Morton (autoproclamatosi "l'inventore del jazz") indispettito dalle tante lodi su Novecento decide di salire a bordo per ascoltarlo di persona. Di tutto il monologo la parte migliore è sicuramente quella della sfida tra i due, ripresa in maniera magistrale anche nel film di Tornatore.

La storia di Novecento è in sé e per sé una delle più belle che siano mai state scritte: sono 62 pagine (in edizione Feltrinelli) di pura poesia che rimangono impresse saldamente nella mente, nonostante lo stile sincopato (che io non amo particolarmente) scelto da Baricco per raccontare il periodo del massimo splendore della musica jazz. Casomai ci fosse bisogno di dirlo, lo consiglio.

Perle di saggezza
Quando non sai cos'è, allora è jazz

Sapeva ascoltare. e sapeva leggere. Non i libri, quelli sono buoni tutti, sapeva leggere la gente. I segni che la gente si porta addosso: posti, rumori, odori, la loro terra, la loro storia...Tutta scritta addosso. lui leggeva e con cura infinita, catalogava, sistemava, ordinava. Ogni giorno aggiungeva un piccolo pezzo a quella immensa mappa del mondo, del mondo intero, da un capo all'altro, città enormi e angoli di bar, lunghi fiumi, pozzanghere, aerei, leoni, una mappa meravigliosa.

La trama
Il Virginian era un piroscafo. Negli anni tra le due guerre faceva la spola tra Europa e America, con il suo carico di miliardari, di emigranti e di gente qualsiasi. Dicono che sul Virginian si esibisse ogni sera un pianista straordinario, dalla tecnica strabiliante, capace di suonare una musica mai sentita prima, meravigliosa. Dicono che la sua storia fosse pazzesca, che fosse nato su quella nave e che da lì non fosse mai sceso. Dicono che nessuno sapesse il perché. In forma di monologo, il primo testo teatrale di Alessandro Baricco.

L'Autore
Alessandro Baricco nasce a Torino nel 1958. Laureato in filosofia, si dedica principalmente alla scrittura di romanzi e saggi, ma ha lavorato anche per la televisione, per il cinema e per il teatro. Nel 2008 realizza il suo primo film da regista, Lezione 21, con Clive Owen e John Hurt. E' fondatore della Scuola Holden a Torino. Dal suo monologo Novecento Giuseppe Tornatore ha tratto il film La leggenda del Pianista sull'oceano (1998), mentre dal suo romanzo Seta è stato tratto l'omonimo film del 2007 con Michael Pitt e Keira Knightley.

Le altre sue  opere:
Castelli di rabbia,
Oceano mare
Seta
City
Senza sangue
Omero, Iliade
Questa storia
Emmaus
La storia di Don Giovanni
Novecento. Un monologo,
Barnum. Cronache dal Grande Show,
Barnum 2. Altre cronache del Grande Show

Il Film

La leggenda del pianista sull'oceano (1998) di Giuseppe Tornatore. Con Tim Roth, Pruitt Taylor Vince, Bill Nunn, Clarence Williams III, Peter Vaughan. Niall O'Brien, Gabriele Lavia, Harry Ditson, Vernon Nurse, Angelo Di Loreta, Alberto Vazquez, Kevin McNally, Cory Buck, Norman Chancer, Clarence Williams, John Armstead, Sidney Cole, Katy Monique Cuom, Anita Zagaria, Luis Molteni, Adriano Wajskol, Melanie Thierry, Nicola Di Pinto 


Questa volta al posto del trailer ho pensato di mettere un breve video di una delle scene più belle del film di Tornatore, quella del "duello" tra Jelly Roll Morton (interpretato da Clarence William III) e Novecento, cui da il volto uno straordinario Tim Roth. Le musiche sono di Ennio Morricone.

3 commenti:

  1. Ho letto un solo libro di Barricco. Il film l'ho trovato semplicemente stupendo.
    Bel post Hobina

    RispondiElimina
  2. questo piccolo libro mi ha emozionato tantissimo ed è uno dei miei preferiti. (molto meglio il libro del film)
    quando ho visto che hai fatto un post su Novecento, non ho potuto fare a meno di lasciare il mio commento... semplicemente delizioso.

    un caro saluto a te, buon week end !

    RispondiElimina
  3. Non ho letto il libro ;ma entrambi i film sono dei capolavori.Saluti a presto

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.