venerdì 24 giugno 2011

Acquisti compulsivi


Oggi soltanto due acquisti compulsivi alla Fnac dei Gigli (in realtà sarebbero dei regali, ma fa lo stesso); il commesso poverino ci ha provato a darmi una mano a scegliere, ma appena gli ho chiesto i titoli che cercavo è sbiancato: alla fine ho ripiegato su due edizioni economiche che comunque aspettavo di leggere.

Susana Fortes, Quattrocento, Superpocket, 



Maggie Stiefvater, Shiver, Superpocket

Invece ieri in una libreria del centro che vende solo libri  usati ho preso un romanzo di Arthur C. Clarke in una vecchissima edizione Urania (ediz. 1976, 600 lire!!!) poi ripubblicata sempre da Urania nel dicembre 2010.

Arthur C. Clarke, Terra Imperiale, Urania

Ho speso 1 euro, ma sono uscita più ricca di prima perché ho intavolato una discussione ai limiti dell'assurdo con il libraio. Sono uscita da lì mortificata, ma come dare torto ad un uomo che ha dedicato 46 anni della sua vita ai libri? Riassumo brevemente il succo del discorso per non ammorbarvi:

Lui: Perché leggi 'sta merda se puoi leggere Dostoevskij?
Io: No, ma guardi che Clarke è un maestro del genere...
Lui: Ma tu l'hai letto tutto Dostoevskij?
Io: Veramente...
                  Lui: Fossi in te non perderei altro tempo                                           

Non ho avuto il coraggio di dirgli che ho le opere del buon Fedor in Book pile da almeno un anno, ma ho capito che esiste una sostanziale differenza tra il commesso di una libreria ed un libraio. 

12 commenti:

  1. Bè, Dostoevskij è Dostoevskij (io lo amo!!!) e sul fatto che vada letto non posso che concordare col tuo libraio. Però... però un commento come "Perché leggi 'sta merda" potrebbe farmi decidere di cambiare libreria: i gusti sono gusti, ma quelli degli altri vanno sempre rispettati, secondo me!
    Ma spero che magari la frase fosse una tua interpretazione di un suo messaggio più edulcorato! ;)

    (Che poi, tra l'altro, io parlo parlo, ma se lavorassi in una libreria probabilmente sarei tentata anch'io di "pilotare" gli acquisti dei clienti!!!)

    Intanto, io è già un po' che commento il tuo blog, ma mi sa non mi sono mai presa la briga di dire "ciao, ti seguo da un po', io sono Phoebes" e cose così!
    Comunque, immagino ormai s'è capito che questo blog mi piace molto! :D

    RispondiElimina
  2. Il bello della diversità e anche quello di esprimere la propria autorità....se ci viene permesso e se lo permettiamo

    RispondiElimina
  3. gli altri non li conosco, ma "Quattrocento" l' ho letto e possi dirti che non è un gran chè :/ godibile ma facilmente tralasciabile...
    per altro l' hai comprato a pochi passi da me, io lavoro li accanto ahahah :D

    RispondiElimina
  4. @phoebes ciao non ti preoccupare per le formalità! anch'io a volte faccio fatica a seguire tutto e tutti e a commentare, presentarmi etc! a proposito della conversazione con il libraio non si è trattato di una mia interpretazione ma di testuali parole: io prima leggevo solo i classici, poi ad un certo punto ho capito che bisogna anche aggiornarsi sulle novità, che siano di qualità o meno...però sostanzialmente sono d'accordo con l'omino, la mia è un'imperdonabile lacuna! non potrei mai cambiare libreria per una cosa del genere...onestamente mi sembra molto peggio entrare in un grande bookstore e trovare un "commesso" impreparato :) Ps ho dato un occhio al tuo blog, ma è ancora attivo?
    @I am in effetti il libraio mi ha fatto sentire come una scolaretta impreparata all'interrogazione, però dai, dopo mi sono fatta un'esame di coscienza: puo' una come me non aver mai letto dostoevskij? shame on me
    @pavona ma dai, lavori ai gigli????! cacchio, l'avessi saputo sarei passata a dirti ciao!!!!next time :)

    RispondiElimina
  5. Bè, sì, la lacuna comunque la devi colmare!!!! ;)
    Grazie della riposta! Il blog qui su blogspot non è più attivo perché era solo per una sfida che ora è finita.
    Ho un mio blog ancora attivo, però quando commento essendo loggata su Google mi dà automaticamente quel profilo e per pigrizia non lo cambio mai!
    Se ti va di farmi una visitina l'indirizzo è : www.naufragio.it/iltempodileggere

    RispondiElimina
  6. Io entro nelle librerie e spesso prendo sulla base dei "richiami" delle copertine quando non ho già un'idea precisa. Raramente mi faccio consigliare.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Quello del libraio non era un consiglio, bensì un ordine...

    RispondiElimina
  8. hahaha si lavoro a Stradivarius XD ed in effetti quando non sono li sono alla FNAC, la mia seconda casa ahaha :D
    cmq ricordo che volevi cominciare Lovecraft ma ti spaventava la mole.. beh io rinnovo il mio consiglio a cominciarlo subito!! stò continuando la mia lettura dell' opera omnia e posso assicurarti che ne vale davvero la pena, racconti da urlo (in tutti i sensi!!) :D

    RispondiElimina
  9. @pavona la prossima volta che capito lì ci faccio un salto di sicuro; il tuo negozio non lo conoscevo, lo hanno aperto da poco? Lovecraft? aiuto, dove lo trovo il tempo per leggermi il mattonazzo? sono sommersa! di roba da leggere ne ho fino al 2012!!! però lo metto in lista d'attesa :)

    RispondiElimina
  10. è un negozio di abiti femminili, ormai saranno 3 o 4 anni che cè :) è nel corridoio di Pimkie, Accessorize e Calvin Klein per intenderci!! ..anche io ho una pila sconvolgente di libri "in attesa", per altro pericolosamente in bilico accanto al mio letto.. se cade mi schiaccia XDDDD dovrò decidermi di finire quelli a mezzo e cominciarne di nuovi!!!

    *Pavona
    (scusa ma oggi non mi fa commentare col mio account ç_ç)

    RispondiElimina
  11. non ci avevo mai fatto caso, ma è anche vero che ai gigli ci vado ogni morte di papa! i centri commerciali mi fanno venire l'ansia...posso fare solo rapidi raid

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.