venerdì 30 aprile 2010

Notte Bianca...


http://www.insonniacreativa.it

Stasera a Firenze Notte Bianca: gli eventi sono talmente tanti che se li scrivessi tutti non farei in tempo ad andare a divertirmi!

La canzone di oggi: Howl, Florence and the machine



http://www.youtube.com/watch?v=4kICfMCu0YQ

If you could only see
The beast you made of me
I held it in but now it seems you set it running
Screaming in the dark
I hunt when we're apart
Drag my teeth across your chest to taste your beating heart
My fingers claw your skin, try to tempt my way in
You are the moon that breaks the night for which I have to howl
My fingers claw your skin, try to tempt my way in
You are the moon that breaks the night for which I have to howl, howl

Now there's no holding back
I'm waiting to attack
My blood is singing with your voice I want to pour it out
The saints can't help me now
The ropes have been unbound
I hunt for you with dirty feet across the hollow ground
Like some child possesed, the beast holds in my breath
I want to find you, tear out all your (i don't know this word)
And howl, howl

Be careful, I'm the curse
That poisons your covers
(Don't know this sentence)
Sons turn to hunters

Hunters, hunters
Hunters, hunters
Hunters, Hunters
Hunters, hunters

The fabric of your flesh
Pure as a wedding dress
Until I wrap my self inside your arms I cannot rest
The saints can't help me now
The ropes have been unbound
I hunt for you with dirty feet across the hollow ground, and howl

Be careful, I'm the curse
That poisons your covers
(Don't know this sentence)
Sons turn to hunters

If you could only see
The beast you made of me
I held it in but now it seems you set it running free
Screaming in the dark
I hunt when we're apart
Drag my teeth across your chest to taste your beating heart

La canzone di oggi: Kiss with a fist, Florence and the machine



http://www.youtube.com/watch?v=1SmxVCM39j4
You hit me once
I hit you back
You gave a kick
I gave a slap
You smashed a plate over my head
Then I set fire to our bed

You hit me once
I hit you back
You gave a kick
I gave a slap
You smashed a plate over my head
Then I set fire to our bed

My black eye casts no shadow
Your red eye sees nothing
Your slaps don't stick
Your kicks don't hit
So we remain the same
love sticks
sweat drips
break the lock if it don't fit

A kick in the teeth is good for some
A kiss with a fist is better than none

A kiss with a fist is better than none

I broke your jaw once before
I spilled your blood upon the floor
You broke my leg in return
so let's sit back and watch the bed burn
love sticks
sweat drips
break the lock if it don't fit

A kick in the teeth is good for some
A kiss with a fist is better than none

A kiss with a fist is better than none

You hit me once
I hit you back
You gave a kick
I gave a slap
You smashed a plate over my head
Then I set fire to our bed

You hit me once
I hit you back
You gave a kick
I gave a slap
You smashed a plate over my head
Then I set fire to our bed

martedì 27 aprile 2010

Scontro tra Titani (2010), di Louis Leterrier.

Trailer Scontro tra Titani, di Louis Leterrier, con Sam Worthington, Liam Neeson, Ralph Fiennes, Gemma Arterton, Mads Mikkelsen, Jason Flemyng, Alexa Davalos, Danny Huston, Nicholas Hoult, Izabella Miko, Polly Walker.


http://www.youtube.com/watch?v=qpZ5D_Wc4cA

Questa volta il trailer mi ha fregato. Sono sinceramente rimasta delusa da questo film che prometteva scintille ed invece mi ha annoiata profondamente. Lo volevo vedere perché da sempre sono appassionata di mitologia e di storia dell'Antica Grecia e perché c'era un bel cast. Qualche scena era anche passabile, qualche giovane attore degno di nota (Worthington già visto in Avatar, Hoult meglio conosciuto per aver fatto Skins e la Arterton ex bond girl che vedremo presto in Prince of Persia), ma nel complesso poco avvincente. Sarà che non l'ho visto in 3d, sarà che non ero dell'umore giusto, fatto sta che sono uscita dal cinema con l'impressione di aver sprecato 7 euri e 50. E mò chi me li rende? Una vera sola.

L'artista di oggi: Domenico Marranchino. La febbre dei segni




Domenico Marranchino è nato a Roccanova (Potenza) nel 1955. All'età di diciassette anni si è trasferito a Milano dove ha iniziato a dare sbocchi concreti alla propria sensibilità artistica, affinando tecniche aiutato in ciò anche dalla propria attività di decoratore. Dapprima la frequentazione dello studio del pittore Carmine Caputo di Roccanova, poi il clima e la frequentazione degli artisti del quartiere Brera a Milano, dove tuttora abita, contribuiscono al suo percorso con collettive e personali (Milano, Santa Margherita Ligure, Firenze, MIMAC della Fondazione Don Tonino Bello - Alessano, Roma, ecc.). La svolta determinante del suo percorso artistico avviene nel 2007, in seguito a una grave malattia alle corde vocali, con conseguente intervento invasivo; infatti da questo momento destinato a condizionare negativamente la vita dell'artista sono fuoriuscite una reazione e un'energia che hanno dato prove di pittura figurale forte, intensa, coloristica, espressiva, inquietante ed esistenziale.
http://www.domenicomarranchino.com/

mercoledì 21 aprile 2010

MOSTRE: Anna Eva Monteduro. Il paesaggio che abita gli echi.

Dal 17 Aprile al 12 Novembre 2010 al Plus di Firenze sarà possibile visitare la mostra monografica di Anna Eva Monteduro, intitolata Il paesaggio che abita gli echi. L'artista presenta circa trenta opere coloratissime, ricche di paesaggi irreali, fiabeschi, onirici abitate da animali e strane creature che ricordano un pò le figure di Chagall.



Anna Eva Monteduro è nata a Lecce nel 1963, ma vive e lavora a Entringen (Germany). Ha conseguito la maturità d'Arte all'Istituto d'Arte di Lecce nel 1980, e il Diploma di Accademia di Belle Arti a Lecce nel 1986. Ha tenuto mostre personali e collettive in Italia e nell'intera Europa. Presente sul catalogo “Materia e colore della Mondadori. Dal 1998 una sua opera è presente sul manifesto del gruppo di musica popolare salentina “Li strittuli”.

Riepilogo cinematografico



I Love Radio Rock (2009), di Richard Curtis, con Philip Seymour Hoffman, Bill Nighy, Rhys Ifans, Nick Frost, Kenneth Branagh, Tom Sturridge, Chris O'Dowd, Rhys Darby, Katherine Parkinson, Talulah Riley, Tom Wisdom, Ralph Brown, Tom Brooke, Sinead Matthews, Jack Davenport, Emma Thompson, Gemma Arterton, January Jones

Deliziosa commedia inglese che racconta l'educazione sentimentale di un ragazzo durante gli anni '60 all'epoca delle prime radio pirata. Carl, il protagonista, interpretato da Tom Sturridge (altra giovane promessa del cinema inglese e, per la cronaca, best friend di Robert Pattinson) ad un certo punto viene spedito dalla madre stralunata (Emma Thomson) su una nave trasformata in radio pirata nella quale scoprirà chi è il suo vero padre e perderà la verginità. Ma il film, al di là delle gag e degli intrecci sentimentali, racconta soprattutto un periodo storico indimenticabile dal punto di vista musicale ed infatti la colonna sonora è molto accurata. Strepitose le interpretazioni dei tre grandi Philip Seymour Hoffman, Bill Nighy e Rhys Ifans ed anche Branagh non è male nel ruolo di cattivissimo ministro deciso a far chiudere le radio pirata ad ogni costo, è talmente cattivo che anche nell'aspetto fa pensare ad Hitler...Il film è davvero divertentissimo e pieno di scene esilaranti e non si può fare a meno di tifare per loro...alla fine il barcone affonda come il Titanic, ma si salvano tutti grazie all'affetto degli ascoltatori che arrivano in soccorso dei dj. Per chi ama il rock e la musica in generale.

martedì 20 aprile 2010

La canzone di oggi: Rabbit heart (Raise it up), Florence and the machine



http://www.youtube.com/watch?v=GF6kBNLTvaU

The looking glass, so shiny and new
How quickly the glamor fades
I start spinning slipping out of time
Was that the wrong pill to take (Raise it up)
You made a deal, and now it seems you have to offer up
But will it ever be enough
(Raise it up, raise it up)
It's not enough
(Raise it up, raise it up)

Here I am, a rabbit hearted girl
Frozen in the headlights
It seems I've made the final sacrifice

We raise it up, this offering
We raise it up

This is a gift, it comes with a price
Who is the lamb and who is the knife
Midas is king and he holds me so tight
And turns me to gold in the sunlight

I look around, but I can't find you
(raise it up)
If only I could see your face
(raise it up)
Instead of rushing towards the skyline
(raise it up)
anekatips.com
I wish that I could just be brave

I must become a lion hearted girl
Ready for a fight
Before I make the final sacrifice

We raise it up, this offering
We raise it up

This is a gift, it comes with a price
Who is the lamb and who is the knife
Midas is king and he holds me so tight
And turns me to gold in the sunlight

Raise it up, raise it up
(repeat)

And in the spring I shed my skin
And it blows away with the changing wind
The waters turn from blue to red
As towards the sky I offer it

This is a gift, it comes with a price
Who is the lamb and who is the knife
Midas is king and he holds me so tight
And turns me to gold in the sunlight
(repeat)

This is a gift

Painting of the day: Marilyn Monroe, di Andy Warhol




Andy Warhol (1928-1987)
Portrait of Marilyn Monroe

L'artista di oggi: Sandro Botticelli (1445-1510)

La Primavera



Simonetta Vespucci

Painting of the day: Madonna con il bambino, di Filippo Lippi




Madonna con il bambino
Filippo Lippi (1406-1469)

Marilyn Monroe (1926-1962)

Painting of the day: Ritratto di Simonetta Vespucci di Piero di Cosimo




Ritratto di Simonetta Vespucci, Piero di Cosimo (1461-1521)

MOSTRE: Omar Ronda. Metamorfosi di primavera

Fino al 27 aprile è possibile visitare a Firenze, presso il Palazzo Medici Riccardi, la bella mostra dell'artista biellese Omar Ronda intitolata Metamorfosi di Primavera. Per le sue opere l'artista prende spunto dal mito di Marilyn Monroe e dalla musa ispiratrice di artisti quali Botticelli, Filippo Lippi e Pietro di Cosimo (Simonetta Vespucci), rintracciando tra le due figure femminili, icone di bellezza della loro epoca, una similitudine che riguarda non solo la somiglianza fisica ma anche le loro vicende personali. Infatti, come spiega l'artista nel video che posto sotto, le due donne erano accomunate non solo dalla leggendaria bellezza, ma anche dal fatto di essere state amate dagli uomini più potenti del loro tempo (Simonetta da Giuliano e Lorenzo De' Medici , Marylin da John e Robert Kennedy). L'occasione è buona per un ripasso di storia dell'arte rinascimentale...




Omar Ronda è nato a Portula, Biella ( Italia ) nel 1947. Fin da ragazzo ha coltivato una grande passione per le arti figurative partecipando ad alcune mostre collettive locali e a concorsi di pittura regionali e nazionali. Nel 1965/1966 vince due premi per lui molto importanti a Santhià e a Borgo Dale, in Piemonte. Nel 1968 trascura parzialmente la sua pittura ed apre una galleria d’arte a Biella che propone opere di artisti internazionali quali: Joseph Beuys, Gerhard Richter, Arman, Christo, Cesar, Tinguely, Rotella, Dorazio e tanti altri grandi protagonisti. Conosce Leo Castelli nel 1969 a New York e Gian Enzo Sperone a Torino, tramite loro organizza mostre di straordinaria importanza degli americani Andy Warhol, Robert Raushenberg, Jim Dine, Roy Lichtenstein, James Rosenquist, Frank Stella, Louise Nevelson, Tom Wesselmann, Bob Morris, Robert Indiana, Sol Lewitt e degli italiani: Mario Merz, Gilberto Zorio, Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Giovanni Anselmo, Piero Gilardi, Jannis Kounellis, Luciano Fabro, Giulio Paolini, Mimmo Paladino, Nicola de Maria, Sandro Chia e tanti altri.
Nel 1987 chiude la sua galleria al vertice del successo per tornare finalmente alla sua grande passione. Nel 1988 elabora e lavora su una filosofia che battezza CRACKING ART, basata sullo studio e le analisi delle origini antropologiche delle materie fossili ( petrolio ) ed il loro utilizzo in forma artistica dei suoi derivati plastici ( sintesi artificiali ) attraverso la realizzazione di forme, immagini e simulacri della vita animale e della natura, in modo da restituire al petrolio ( magma naturale ) la sua antica forma poetica ed organica.
Per maggiori informazioni:
http://www.palazzo-medici.it/index.php
http://www.omarronda.com/

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...