domenica 7 novembre 2010

Cani e porci #3: Teri Hatcher, Hugh Laurie e Ethan Hawke

Terzo appuntamento della mia rubrica Cani e porci, ovvero quando gente che fa altro si mette in testa che deve fare anche lo scrittore, con esiti più o meno felici. Oggi mi occupo di tre attori famosissimi che non contenti di bazzicare Hollywood hanno deciso di invadere le librerie con le loro "opere".

La prima di cui mi occupo è la "desperate housewife" Teri Hatcher che ha pubblicato per la Sperling & Kupfer questa raccolta di "riflessioni" sulla sua vita e la sua carriera alla soglia dei quarant'anni (definirlo romanzo sarebbe davvero troppo): Toast bruciato e altre ricette di vita (2006). La Hatcher qui in realtà sembra più che altro sfruttare il suo personaggio nella serie tv (per chi non lo seguisse, Susan la pasticciona) e ad un certo punto arriva ad identificarsi con il suo personaggio. Furba, però simpatica!


Il secondo personaggio di cui vorrei parlare è il mitico Dr. House/ Hugh Laurie, il medico che nessuno di noi vorrebbe mai incontrare in ospedale, che per la Marsilio ha pubblicato un romanzo dal titolo Il venditore di armi. Questo romanzo uscito in Italia nel 2007 ha suscitato critiche abbastanza favorevoli e opinioni entusiastiche. Come genere si colloca a metà strada tra il poliziesco e la spy-story e sembra essere anche molto divertente per i risvolti tragicomici che assumono le vicende del protagonista. A quanto pare Hugh Laurie lo ha spedito alla casa editrice usando uno pseudonimo e solo dopo aver avuto un riscontro positivo ha rivelato la sua vera identità, cosa che a me piace molto e me lo rende ancora più simpatico perché indica che non ha voluto sfruttare la sua immensa popolarità. Se lo trovo lo prendo...

Il terzo attore di cui parlo oggi di romanzi al suo attivo ne ha ben due: è giovane, carino, ma non disoccupato, anzi al contrario tra recitazione, regia e scrittura di impegni ne deve avere davvero molti. Stò parlando di Ethan Hawke, attore hollywoodiano belloccio e discretamente bravo, che ha pubblicato con la Minimum Fax due romanzi "giovanilistici", L'Amore giovane (1996) dal quale ha anche tratto un film (diretto da lui) e Mercoledì delle ceneri (2002). Anche questi due romanzi mi ispirano e forse un giorno li prenderò...

3 commenti:

  1. Ciao! Grazie per il tuo commento. E complimenti per il blog! A presto!

    RispondiElimina
  2. Eva, grazie a te! Ti seguirò con piacere!

    RispondiElimina
  3. Quello della Hatcher sembra solo una trovata pubblicitaria e non m'interessa, invece mi hanno parlato molto bene dei romanzi di Ethan Hawke, soprattutto "mercoledi delle ceneri" e sono curiosa di leggerlo...

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.