mercoledì 27 ottobre 2010

RIP: Ugo Tognazzi (1922-1990)

Il 27 ottobre del 1990 moriva Ugo Tognazzi, uno dei più brillanti interpreti del cinema italiano. Non stò ad elencare i suoi film (per quello rimando al sito ufficiale http://www.ugotognazzi.com/), ma mi limito a dire che ancora oggi manca una figura istrionica come la sua: attore, cantante, presentatore, scrittore (prevalentemente di libri di cucina). La7 durante tutta la settimana appena trascorsa ha trasmesso i suoi film più belli e per quanto ne sò è stato l'unico canale a dedicargli un tributo. Per chi volesse rinfrescare la memoria personalmente consiglio due splendidi film andati in onda durante La Valigia dei sogni (ottimo contenitore presentato dal bravo Simone Annicchirico): La voglia matta e Venga a prendere il caffé da noi.

La voglia matta (1962), di Luciano Salce. Con Ugo Tognazzi, Catherine Spaack, Fabrizio Capucci, Gianni Garko.


Trama.
L’ingegnere milanese Antonio Berlinghieri si sta recando a trovare il figlio in collegio per il fine settimana. Lungo il percorso incontra un gruppo di ragazzi diretti al mare, che dapprima lo bersagliano con i loro scherzi e poi lo invitano a passare insieme la domenica. Si invaghisce di una ragazza (la Spaak), ma alla fine si rende conto di essere ridicolo.

                                           


Venga a prendere il caffè da noi (1970), di Alberto Lattuada, con Ugo Tognazzi, Milena Vukotic, Angela Goodwin, Francesca Romana Coluzzi. Tratto dal romanzo di Piero Chiara, La spartizione.


Trama.
Emerenziano Paronzini, invalido della Seconda guerra mondiale sul fronte grecoalbanese, è impiegato presso il Ministero delle Finanze. Viene trasferito in qualità di vice-capufficio, a Luino, sul Lago Maggiore. Sentendosi ormai "arrivato",  applica i principi dello scrittore Paolo Mantegazza, ovvero che un uomo, a una certa età, per poter star bene deve avere le 3 C: carezze, caldo, comodo. Decide quindi di concupire una delle tre ricche sorelle Tettamanzi e poi inizia a sollazzarsi anche con le altre due.  La situazione perdura felicemente fino quando viene colto da trombosi e finisce in carrozzella, muto, servito e riverito.

I Libri di Tognazzi




Nessun commento:

Posta un commento

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.