mercoledì 2 giugno 2010

Poesia: Il vampiro, Charles Baudelaire

Tu, che come un colpo di coltello
nel mio cuore gemente sei entrata;
tu che, forte come un armento
di démoni, venisti, folle e ornata,

del mio spirito umiliato
a fare il tuo letto e il tuo regno;
infame, a cui sono attaccato
come il forzato alla catena,

come al gioco il giocatore accanito,
come l'ubriaco alla bottiglia,
come ai vermi la carogna infetta,
Maledetta, che tu sia maledetta!

Ho pregato la spada rapida
di conquistare la mia libertà,
ho chiesto pure al veleno perfido
di soccorrere la mia viltà.

Ahimé! sia il veleno che la spada
m'hanno sdegnato e m'hanno detto Tu
non sei degno di essere sottratto
alla tua maledetta schiavitù,

imbecille! anche se fossimo capaci
di liberarti dal suo dominio,
risusciterebbero i tuoi baci
il cadavere del tuo vampiro!

da I Fiori del Male

Nessun commento:

Posta un commento

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.