giovedì 10 giugno 2010

10 cose che detesto dei blog

In ordine di insopportabilità...

1. Quando il pulsante Next blog ti porta ai blog delle famiglie americane piene zeppe delle foto dei loro bambini appena nati o di poco più grandi: ma non lo sanno che ci sono i pedofili? E poi quando divorziano, oltre la casa, i mobili, la macchina e i già citati poppanti, si spartiscono anche il blog?

2. I blog che parlano di religione, qualunque essa sia, ma in particolar modo quella cattolica: cacchio ma li becco tutti io che sono atea convinta? Come quando in galleria l'unica stazione che prende sempre e comunque è Radio Maria

3. I blog dedicati alle squadrette di calcio di categoria D: anche in questo caso, li becco tutti io, che per lo sport nazionale ho un'avversione totale

4. I blog simil pornografici, con tanto di foto e video amatoriali delle (spesso) millantate prodezze sessuali. Ma mi sorprendo sempre nel constatare che sono seguitissimi, il che mi fa pensare che al mondo c'è un sacco di gente frustrata.

5. I blog che appena ci capiti ti aggrediscono con una clip musicale assordante, magari sono le 3 di notte e svegli i morti oppure sei in ufficio e ti fanno sgamare dai capi o dai colleghi impiccioni.

6. I blog pieni zeppi di pubblicità tra un post e l'altro, che per arrivare a leggere quello che ti interessa devi scorrere fino in fondo alla pagina. Vabbé io quando cerco qualcosa sono motivata, ma è davvero necessario? E poi serve davvero a far guadagnare soldini o è tutta una cazzata?

7. I blog glitterati, brillantinati, sbrilluccicanti che quando muovi il mouse il puntatore diventa un cuoricino, una stellina, una farfallina con una svolazzante scia che mi distrae da quello che realmente mi interessa cioé il testo o l'immagine

8. Gli utenti anonimi: vabbé non è che voglio il certificato dell'anagrafe, ma almeno un nick lo si potrebbe lasciare. Penso che sia una questione di buona educazione dare un nome alla persona con la quale si interloquisce, sebbene virtualmente.

9. I blog che riciclano solo ed esclusivamente gli articoli presi da altri siti: capiterà a tutti di fare copia/incolla di qualche testo che interessa particolarmente, ma costruire il proprio sito con articoli scopiazzati qua e là denota davvero mancanza di fantasia, o se vogliamo, di personalità

10. I blog fasulli, quelli che nascono come funghi per ragioni occulte, anzi mica tanto occulte: spesso e volentieri solo per fare o farsi pubblicità. In sostanza quei blog che non nascono dal reale bisogno di partecipazione e condivisione di una passione o di un interesse.

Lo sfogo è finito. Però il mondo è bello perché è vario e alla fine ognuno è libero di fare quello che gli pare. Volemose bene...

3 commenti:

  1. Mi sento un po' colpevole per la musica ;-)
    Per il resto concordo su !tutto!
    A presto,

    Gio

    RispondiElimina
  2. caro Gio, stai sereno...il mio erano uno sfogo tra il serio e il faceto per un "incidente" di percorso avuto di recente, quando vengo a trovarti metto le cuffie visto che so che hai la clip...almeno tu da buon melomane metti classica, io mi riferivo alle insopportabili clip heavy metal/hip hop/rap che si trovano in certi siti americanacci...

    RispondiElimina
  3. straquotissimo!

    come dari torto? un saluto e su con la vita :)

    RispondiElimina

Recommendations by Engageya

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Alcuni immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via E-mail. Saranno immediatamente rimosse.